Notizie | Demografici

Autocertificazioni e Dichiarazioni Sostitutive (Decreto Semplificazioni 2020)

LEGGE 120/2020 (cd. DECRETO SEMPLIFICAZIONI), privati ed autocertificazioni.

Le autocertificazioni scaricabili

Con la modifica apportata dall’art. 30 bis del Decreto Legge n. 76/2020, convertito con Legge n. 120/2020 (cd. “DECRETO SEMPLIFICAZIONE”) all’art. 2 del D.P.R. n. 445/2000 (in vigore dal 15 settembre 2020) ANCHE I PRIVATI SONO TENUTI AD ACCETTARE LE AUTOCERTIFICAZIONI E LE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVE DI ATTO DI NOTORIETA’ CON FIRMA NON AUTENTICATA. Si riporta di seguito la norma modificata.
D.P.R. 28.12.2000 n. 445 – Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa
Articolo 2 Oggetto 1. Le norme del presente testo unico disciplinano la formazione, il rilascio, la tenuta e la conservazione, la gestione, la trasmissione di atti e documenti da parte di organi della pubblica amministrazione; disciplinano altresì la produzione di atti e documenti agli organi della pubblica amministrazione nonché ai gestori di pubblici servizi nei rapporti tra loro e in quelli con l’utenza, e ai privati che vi consentono *
Articolo 71 Modalità dei controlli 4. Qualora il controllo riguardi dichiarazioni sostitutive presentate ai privati che vi consentono * di cui all’articolo 2, l’amministrazione competente per il rilascio della relativa certificazione, previa definizione di appositi accordi *, è tenuta a fornire, su richiesta del soggetto privato corredata dal consenso del dichiarante, conferma scritta, anche attraverso l’uso di strumenti informatici o telematici, della corrispondenza di quanto dichiarato con le risultanze dei dati da essa custoditi.
La modifica normativa ha un impatto importante nei rapporti tra i cittadini ed i privati, in quanto viene sancito L’OBBLIGO NORMATIVO ANCHE PER I PRIVATI (Es. Banche, Assicurazioni, ecc…) DI ACCETTARE LE AUTOCERTIFICAZIONI E LE DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI ATTO DI NOTORIETA’ CON FIRMA NON AUTENTICATA, essendo stata soppressa l’espressione “possono”. In precedenza l’obbligo era previsto solo per le pubbliche amministrazioni.
I privati richiedenti le autocertificazioni potranno poi verificare la veridicità delle dichiarazioni rivolgendosi agli enti pubblici competenti (Es. il Comune per quanto riguarda residenza, stato di famiglia, ecc…). Rimanendo a disposizione per qualsiasi chiarimento si porgono i migliori saluti.   

IL RESPONSABILE DEL III SETTORE SERVIZI SOCIALI E DEMOGRAFICI DOTT. GHETTI GIORGIO

 

torna all'inizio del contenuto