| Dall'Ente, Cultura, Turismo

Borghi Digitali

La Banda Ultra Larga tra Metauro e Cesano venerdì 4 dicembre 2020, ore 18.00

Borghi Digitali
La Banda Ultra Larga tra Metauro e Cesano venerdì 4 dicembre 2020, ore 18.00
Incontro aperto a tutti i cittadini in diretta sul canale Youtube del Comune di Fano e sulle pagine FB dei comuni organizzatori.
Comuni organizzatori: Fano, Colli al Metauro, Fermignano, Fratte Rosa, Mombaroccio, Mondavio, Montefelcino, Monte Porzio, Pergola, San Costanzo, San Lorenzo in Campo, Sant’Ippolito.
Si terrà venerdì 4 dicembre alle ore 18.00 il nuovo appuntamento proposto da una rete di Comuni delle valli del Metauro e del Cesano. L'intento di questa rete, è informare i cittadini a fronte di importanti opportunità sulla valorizzazione delle due vallate, in termini di qualità ambientale e di sviluppo eco sostenibile
Dopo l’approfondimento sul Superbonus al 110% il secondo incontro divulgativo, che vede aggiungersi altre sette amministrazioni locali, sarà dedicato al tema dell’infrastruttura pubblica regionale per la banda ultra larga i cui lavori sono in corso nei nostri territori. Con il titolo “Borghi Digitali: La Banda Ultra Larga tra Metauro e Cesano”, si illustreranno le opportunità di sviluppo e innovazione offerte dalla digitalizzazione delle cosiddette aree bianche, a fallimento di mercato, in cui sono assenti interventi di investimento di operatori privati. Verrà inoltre offerto un quadro generale sullo status dei lavori sul territorio locale di attuazione del piano nazionale per la BUL partito nel 2015 (https://bandaultralarga.italia.it/). L’evento, verrà trasmesso in diretta a partire dalle 18.00 sul canale YouTube del Comune di Fano e sulle pagine Facebook delle amministrazioni comunali coinvolte: Fano, Colli al Metauro, Fermignano, Fratte Rosa, Mombaroccio, Mondavio, Montefelcino, Monte Porzio, Pergola, San Costanzo, San Lorenzo in Campo, Sant’Ippolito.
L’idea di fondo di questi incontri virtuali, è quella di offrire in modo coordinato e congiunto approfondimenti su tematiche di stretta attualità per rispondere a un bisogno informativo da parte dei cittadini su questioni spesso molto tecniche ma che riguardano tutti da vicino. Ad esempio l’emergenza Covid-19, nel gravoso impatto che ha avuto sulla situazione economica nel nostro paese, ha al tempo stesso rappresentato un evento dirompente nel contesto quotidiano di tante realtà per quella che è stata l’adozione di nuove forme di comunicazione attraverso le tecnologie digitali.
Sebbene sia stato un passaggio non agevole, che non può considerarsi ancora concluso, tale situazione ha permesso di ampliare la base di consapevolezza delle potenzialità della digitalizzazione in ambiti che si erano dimostrati più restii nell’accogliere un approccio nuovo. In primis la pubblica amministrazione, ma anche tante realtà economiche ed infine tante famiglie, nell’emergenza, sono state costrette ad utilizzare nuovi strumenti e nuovi metodi in chiave digitale, sebbene non tutti alle stesse condizioni, evidenziando quello che viene definito “digital divide”, cioè il divario esistente tra chi ha accesso effettivo alle tecnologie dell'informazione e chi ne è escluso, in modo totale o parziale, proprio come accade nei piccoli centri o nelle località dell’entroterra.
Nei mesi di lockdown si è andata generando un’innovazione forzata che si sta rivelando non solo emergenziale ma sta ponendo le basi per una transizione verso una nuova epoca. Il nuovo contesto sta ponendo i borghi rurali del nostro Paese al centro di una nuova attenzione, in controtendenza rispetto al passato dove solo i centri urbani svolgono un ruolo catalizzante nello sviluppo economico, sociale e culturale del Paese. Attraverso la digitalizzazione, e le relative infrastrutture necessarie, si intravedono nuovi scenari territoriali dove i borghi rurali italiani, così come quelli delle nostre vallate, possono giocare un ruolo chiave in sinergia con le realtà urbane maggiori.
Tali riflessioni sono l'input per organizzare l’evento di approfondimento con la partecipazione di esperti nell’ambito della digitalizzazione e delle politiche di sviluppo territoriale assieme ai rappresentanti delle amministrazioni locali promotrici dell’evento.
Interverranno Serena Carota, dirigente della funzione Informatica e Crescita Digitale della Regione Marche, e Maria Laura Maggiulli, responsabile progetto BUL di Regione Marche,
Ing. Gino Baldi, esperto in trasmissioni digitali e consulente per pubbliche amministrazioni, infine Stefano Rigano e Nicola Bevilacqua per l’azienda Open Fiber, appaltatrice per la realizzazione dell’infrastruttura digitale.
Ospite speciale dell’incontro sarà Sabrina Lucatelli, oggi direttrice del progetto Riabitare l’Italia (https://riabitarelitalia.net/), esperta di politiche di sviluppo per le aree a bassa demografia, già coordinatrice della Strategia Nazionale Aree Interne della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Al termine verrà offerto uno spazio per gli ascoltatori per intervenire e porre domande in diretta streaming. L’evento sarà registrato, sottotitolato e reso disponibile pubblicamente sullo stesso canale YouTube del comune di Fano.
Comuni di Fano Colli al Metauro, Fermignano, Fratte Rosa, Mombaroccio, Mondavio, Montefelcino, Monte Porzio, Pergola,San Costanzo,San Lorenzo in Campo, Sant’Ippolito.

 

torna all'inizio del contenuto